Educare alle Differenze: a giugno un convegno a Firenze.

logo firenze

Mentre in tutta Italia continuano attacchi insensati a tanti ottimi progetti che mirano a sensibilizzare su  violenza di genere, omofobia e bullismo, la rete territoriale Educare alla differenze organizza il primo convegno per il mese di giugno.

Il prossimo incontro si terrà mercoledì 8 aprile alle 19 presso il Circolo ARCI di via delle Porte Nuove 33 a Firenze.

Di seguito potete leggere il report del terzo incontro della nostra rete.

——

Report  del III incontro della rete fiorentina (e dintorni)

Educare alle differenze

Obbiettivo riunione: pensare concretamente alla giornata-convegno

La riunione si apre con un giro di presentazioni e con una serie di interventi che sono serviti a inquadrare meglio la situazione generale della scuola e le aspettative sulla giornata di discussione allargata e aperta, partendo dagli obbiettivi che ci siamo poste e posti  durante i precedenti incontri.

Sergio ha messo in luce che con il decreto legge “la buona scuola” non sarà più il consiglio di istituto a dacidere il POF, ma il dirigente scolastico, al quale verrà dato enorme potere. Inoltre ci ha aggiornato sulla proposta di legge di iniziativa popolare (LIP) del 2006 “Per la buona scuola della Repubblica” (purtroppo c’è omonimia) che è stata ripresentata e che è a titolarità aperta:  propone di sostenere questa LIP e vedere se e come tradurre le buone pratiche sul piano legislativo come parte di un progetto più ampio.

Isabella ha fatto il punto sui vari indirizzi mail e possibilità online che abbiamo a disposizione per condividere informazioni o altro. La mail è educarefirenze@gmail.com e poi c’è una mailing list alla quale registrarsi che è educarefirenze@inventati.org, inoltre ha richiesto a tutte di compilare una scheda per capire cosa fanno le diverse realtà sul territorio e ha proposto una mappatura delle scuole.

Maria ha parlato dell’assenza di sensibilità del Comune a questi temi, al punto che è stata sospesa la Consulta LGBTI presso l’assessorato alle pari opportunità.

Lea propone di scrivere una pagina al massimo due per riassumere cosa significa Educare alle differenze, una sorta di breve manifesto, anche per rispondere indirettamente ai recenti attacchi (vedi Il Gioco del Rispetto) alla formazione volta al superamento degli stereotipi, della violenza e dell’omotransfobia. Per scriverla si può partire dal richiamare la Convenzione di Istanbul, la Risoluzione ONU, legge 16 Regione Toscana, etc.

 

Sono seguite poi una serie di proposte per organizzare il convegno:

  • Luogo: scuola, palestra di San Niccolò … altro?
  • Data: 6-7 o 13-14 giugno
  • Struttura/organizzazione: una parte di interventi programmati per dare spunti di riflessione (plenaria) e una parte di laboratori “molto concreti”; per esempio uno sui libretti UNAR, uno sul gioco del rispetto e chi ne ha altri da proporre si faccia avanti
  • Inviti: ovviamente a tutte le associazioni, ma l’idea è quella di coinvolgere anche insegnanti, dirigenti scolastici, genitori, esperti a vario titolo e istituzioni.

Si è deciso di fissare un nuovo incontro, per mercoledì 8 aprile alle ore 19.00 (probabilmente in Via San Niccolò 33) per provare a definire meglio alcune cose, nel frattempo le diverse associazioni e realtà dovrebbero esprimersi sulla data.

Si sono formati anche dei gruppi di lavoro più snelli per preparare la giornata di giugno, i gruppi sono ovviamente aperti ed allargabili in qualunque momento:

  • Gruppo campagna: Isabella, BeeCom
  • Gruppo inviti: Anna Maria, Mila, Silvia
  • Gruppo organizzativo: Silvia, Lea
  • Gruppo laboratori: Stefania, Laura, Clara, Fiorella

Ci vediamo allora l’8 aprile alle 19.00, nel frattempo sarebbe bene chiarirsi le idee sulla data, in modo da deciderla definitivamente alla prossima riunione.

 

Annunci